La storia del Grana Padano dalle origini a oggi

nascita e storia del Grana PadanoIl Grana Padano DOP è un formaggio semigrasso a pasta dura, cotta e a lenta maturazione.

Si tratta di un formaggio italiano pregiato e prelibato, oggi conosciuto in tutto il mondo e considerato uno dei simboli dell’eccellenza gastronomica del nostro Paese.

Ma come è nato il Grana Padano? Ecco la storia di questo rinomato formaggio, dalle origini a oggi.

Grana Padano: una storia millenaria

Si narra che il Grana Padano sia nato nel 1135 nell’abbazia di Chiaravalle, sita a pochi chilometri a sud di Milano.


Intorno all’anno Mille, infatti, sotto il regno di Federico I Barbarossa, i monaci Cistercensi dell’abbazia avviarono un’imponente opera di bonifica della Pianura Padana.

Questo ampio territorio, prima paludoso e ricoperto di zone boschive, si trasformò in un luogo adatto all’allevamento dei bovini e ciò diede un notevole impulso all’agricoltura locale.

Ben presto gli abitanti si trovarono ad avere quantità di latte che superavano di gran lunga il loro fabbisogno e, di conseguenza, nasceva l’esigenza di conservare questo latte eccedente.

Proprio al fine di utilizzare il latte in esubero, i monaci dell’abbazia di Chiaravalle misero a punto la ricetta del Grana Padano, un formaggio a pasta dura che, stagionando, conservava tutti i principi nutritivi del latte ed acquisiva un sapore molto caratteristico, dolce e deciso allo stesso tempo.

I monaci diedero a questo formaggio il nome di caseus vetus, cioè formaggio vecchio, mentre il popolo, che non aveva affatto dimestichezza con il latino, lo chiamava formaggio di grana (o semplicemente grana) per via della granulosità della sua pasta.

Ben presto questo gustoso formaggio divenne non solo pregiato protagonista dei sontuosi banchetti nobiliari del Rinascimento, ma anche un alimento importante per il sostentamento degli abitanti delle campagne durante le carestie.

Con il passare dei secoli la pratica di trasformazione del latte in formaggio Grana si consolidò e si diffuse, divenendo una delle più importanti risorse economiche del nostro Paese.

Un evento significativo nella storia del Grana fu la Convenzione del 1951. Il 1° giugno di quell’anno, a Stresa, tecnici e operatori caseari di tutta Europa firmarono un documento in base al quale venivano fissate norme precise a proposito di denominazione dei formaggi e indicazioni sulle caratteristiche di ciascuno.

E fu proprio in quell’occasione che il Grana Lodigiano, che sarebbe poi divenuto Grana Padano, venne distinto dal Parmigiano Reggiano.

Nel 1996 il Grana Padano venne riconosciuto dall’Unione Europea come prodotto italiano DOP (Denominazione di Origine Protetta) e da allora tutte le fasi produttive di questo formaggio devono attenersi strettamente a quanto stabilito dal suo Disciplinare di Produzione, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea.

Oggi il Grana Padano, oltre ad essere il formaggio più venduto e apprezzato in Italia, è ampiamente conosciuto ed esportato in Europa e nel resto del mondo.

 

 

 

 

 

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons