Loading...

Utensili da cocktail: cosa non deve mancare in cucina


Abbiamo organizzato una bella cena estiva in giardino, sembra tutto perfetto, ma manca solo una cosa… un bel cocktail fresco fatto a regola d’arte!

Certo, possiamo anche “arrangiarci” con quello che abbiamo in casa, c’è chi usa vasetti di vetro e chi le bottiglie dei succhi di frutta al posto delle shaker ad esempio.

Ma se vogliamo davvero ottenere dei risultati degni di un professionista, dobbiamo operare come un professionista.

Non è ovviamente necessario procurarsi tutti gli strumenti del mestiere, ma servono almeno quelli fondamentali e difficilmente sostituibili con l’attrezzatura casalinga.


Gli strumenti del mestiere

Passiamo ora brevemente in rassegna ciò che non può mancare. Prima di tutto lo shaker. Conosciamo tutti la sua forma a doppio bicchiere o con chiusura a tappo.

Ne esistono in realtà diversi tipi, quello francese, il boston o il cobbler, ognuno scelto in base alle funzioni per cui si presenta necessario. Il più conosciuto è probabilmente quello a due bicchieri, che va shakerato con entrambe le mani.

Il movimento deve essere quasi orizzontale e con un leggero andamento circolare. Si agita generalmente per un massimo di 20 secondi e poi si versa la bevanda nel bicchiere.

Non si deve esagerare con questa fase della preparazione del cocktail, shakerare troppo o un eccessivo contatto con il calore delle mani, potrebbe far sciogliere il ghiaccio (se presente) più velocemente, privando il nostro capolavoro del suo sapore.

Il colino è fondamentale per filtrare il ghiaccio. Non tutti i cocktail infatti prevedono la presenza di ghiaccio solido all’interno del bicchiere, come avviene per il mojito, ad esempio. Quando deve restare solo il liquido, il colino si poggia sulla bocca dello shaker per trattene il ghiaccio e versare il cocktail nel bicchiere.

Bar spoon: come si evince già dal nome, si tratta di un cucchiaio molto lungo usato per mescolare quei cocktail che non devono essere shakerati. Solitamente è a forma di spirale per poter mescolare ancora meglio.

Gli optional

Ci sono poi alcuni strumenti che non sono fondamentali, ma che sarebbe meglio avere, come il pestello o il misurino; è vero che possiamo rimediare con altri strumenti che troviamo in casa, ma averli a disposizione facilita sicuramente la realizzazione dei cocktail.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons