Loading...

Bicchiere ballon: per quale vino viene utilizzato?


La scelta del vino per una cena o per un aperitivo è cruciale, e la bottiglia giusta può cambiare radicalmente tutto il pasto. Per questo uno step fondamentale è quello di studiarne proprietà e abbinamenti che spesso sono indicati in etichetta.

Ma non basta: è fondamentale scegliere il bicchiere perfetto e non solo per una questione estetica. La forma dei bicchieri, infatti, è studiata e concepita per risaltare gli odori e i sapori.

Il ballon nello specifico è un bicchiere utilizzato per servire cognac, brandy e porto, ma nella sua forma grande è l’ideale per servire il vino. Infatti in commercio si trova nella forma piccola e grande.

Oltre alla forma, anche la materia prima di produzione influenzerà la degustazione: ricorda di scegliere un bicchiere in cristallo o in ottimo vetro sonoro senza piombo o in vetro trasparente.


Il bicchiere, inoltre, deve essere assolutamente pulito e privo di residui di acqua e soprattutto senza odori di detersivi che, anche se impercettibili, andrebbero a compromettere il sapore del vino.

La forma

Il ballon è un bicchiere a stelo alto e molto panciuto con un’apertura abbastanza larga, studiata per far convergere i profumi del vino al suo interno e far sì che si concentrino al naso nel momento in cui lo si avvicina alla bocca.

La forma sferica permette di preservare gli odori del bouquet che in un bicchiere piccolo o stretto andrebbero immediatamente dispersi. Per questo si presta a degustazioni lente.

La pancia larga ha lo scopo di far ossigenare bene il vino che andrà versato con anticipo e fatto decantare al suo interno. Attenzione, però, a riempiere solo 1/3 del bicchiere!

Quale vino scegliere

Non vi è alcun dubbio che questo bicchiere sia nato per servire vini rossi decisi e profumati, meglio se invecchiati e che presentino caratteristiche ben definite a livello di odori.

Infatti sono i vini leggermente invecchiati ad avere un buon bouquet che viene percepito all’assaggio dal naso e che preferibilmente derivi da uve nobili, come il Merlot o il Sangiovese.

A prescindere dagli odori, che sono perfettamente messi in risalto dalla forma del bicchiere, sarebbe opportuno optare per vini rossi corposi e vellutati, da servire rigorosamente a temperatura ambiente.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2022 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons