Come bollire l’aragosta in maniera perfetta: metodi alternativi

lessare aragostaL‘aragosta è il crostaceo più pregiato e costoso presente in commercio, ma anche il più apprezzato dal punto di vista alimentare.

Le sue carni hanno un sapore delicato ma gustoso ed è per questo che solitamente l’aragosta viene condita con salse o sughi molto semplici, senza il rischio di coprirne il gusto.

I metodi di cottura dell’aragosta sono diversi ma quello più semplice ed anche il più comunemente usato è la bollitura.

La bollitura dell’aragosta

Per bollire al meglio l’aragosta, invece di farla cuocere in semplice acqua bollente salata è meglio preparare un brodo aromatico, che ne esalta e valorizza il sapore.


Ingredienti (per un’aragosta da 1,2-1,5 kg)

  • aragosta
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 1 fettina di limone
  • 1 rametto di timo
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1 foglia di alloro
  • 2 cucchiai di vino bianco
  • 2 cucchiai di aceto
  • sale

Preparazione

Preparate il court bouillon (cioè il brodo ristretto), in cui andrete a cuocere l’aragosta.

Riempite una pentola con abbondante acqua salata ed immergetevi le verdure lavate e le erbe aromatiche.

Coprite la pentola con il coperchio e fate cuocere il brodo per circa 20 minuti.

Negli ultimi 5 minuti di cottura aggiungete anche il vino bianco e l’aceto.

Nel frattempo, passate a preparare l’aragosta per la cottura.

Per prima cosa sciacquatela sotto l’acqua corrente.

Legate la coda dell’aragosta, ripiegandola in avanti contro l’addome, oppure legate l’aragosta ad un cucchiaio di legno, per evitare che si pieghi durante la cottura.

Quando il brodo è pronto, una volta raggiunto un bollore vivace potete immergere l’aragosta.

Con l’aiuto delle pinze afferrate l’aragosta ed immergetela partendo dalla testa.

Se la vostra aragosta ha un peso di 1,2-1,5 kg saranno sufficienti 20-25 minuti di cottura, sempre tenendo la pentola coperta con un coperchio.

Quando l’aragosta è cotta lasciate che si raffreddi nel suo court bouillon e, quindi, scolatela.

Come calcolare il tempo di cottura?

Il tempo di cottura dell’aragosta varia a seconda del peso del crostaceo e deve essere calcolato da quando, dopo aver immerso l’aragosta nel brodo, questo riprende a bollire.

All’incirca, sono necessari 8 minuti di cottura ogni 450 g di peso.

Come verificare se l’aragosta è ben cotta?

Prima di spegnere il fuoco, è bene controllare che l’aragosta sia completamente cotta, perché non è adatta ad essere consumata cruda o poco cotta.

D’altra parte, è bene ricordare che l’aragosta non deve neanche essere cotta eccessivamente, per evitare che le sue carni diventino dure.

Ecco come controllare se l’aragosta è cotta al punto giusto:

  • L’aragosta completamente cotta ha una carne di color rosso brillante, e non arancione come quella dell’aragosta cruda .
  • La polpa deve essere soda e di colore bianco, e non molle e traslucida.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons