Erba cipollina: caratteristiche, coltivazione, usi in cucina

guida sull'erba cipollinaLe erbe aromatiche sono ingredienti preziosi in cucina, ottimi per arricchire di profumo e sapore i piatti più diversi, dalle preparazioni a base di carne a quelle a base di pesce, dalle verdure ai formaggi.

Oggi ci occupiamo dell’erba cipollina e ne vediamo insieme caratteristiche, coltivazione e possibili usi in cucina.

Le caratteristiche dell’erba cipollina

L’erba cipollina, pianta aromatica appartenente alla famiglia delle Amaryllidaceae, è una pianta perenne bulbosa originaria delle zone temperate-fredde di Europa, America settentrionale e Asia.

Quanto alle dimensioni, l’erba cipollina è molto simile ad un cespuglio, dal momento che, in genere, ha un’altezza compresa tra i 25 e i 40 cm.


Ogni pianta di erba cipollina possiede, di solito, 3-4 foglie, cave e di forma cilindrica. Queste costituiscono la parte più aromatica dell’intera pianta: una volta tagliate, emanano un profumo che ricorda quello di cipolla e porro, benché rispetto ad essi sia più delicato.

Nell’erba cipollina non mancano, poi, i fiori. Essi si sviluppano alla sommità di un unico scapo, che si trova al centro delle foglie, ed il loro colore può andare dal rosa molto chiaro ad un rosa intenso fino al color lavanda.

I frutti, invece, hanno la forma di una capsula e ciascuno di essi racchiude al proprio interno 1-2 semi di colore nero.

Tra le diverse parti che compongono la pianta dell’erba cipollina, sono le foglie, per via del loro caratteristico aroma, ad essere maggiormente impiegate a scopi culinari.

La coltivazione dell’erba cipollina

Se avete in mente di realizzare un piatto che prevede l’utilizzo di erba cipollina, potete recarvi al supermercato o dal fruttivendolo ed acquistarne alcune foglie, fresche (e intere) oppure confezionate (in quest’ultimo caso sono già pulite, tritate e pronte per essere impiegate in cucina).

Tuttavia, poiché l’erba cipollina non richiede particolari cure e attenzioni ed è piuttosto resistente sia ai parassiti sia alle temperature rigide, sono in molti a decidere di coltivarne loro stessi una piantina, nel proprio orto o sul proprio balcone, così da averne sempre a disposizione.

L’esposizione

L’erba cipollina cresce senza problemi sia nei luoghi soleggiati sia in quelli che si trovano all’ombra. Se potete scegliere, posizionate la piantina in un punto ora esposto al sole, ora caratterizzato da un buon livello d’ombra e, possibilmente, abbastanza umido.

Il terreno

Anche dal punto di vista del terreno, l’erba cipollina non presenta esigenze particolari e cresce abbastanza bene in terreni di ogni tipo.

Ciò non significa, però, che non vi siano terreni più adatti di altri: questa pianta, infatti, predilige quelli molto freschi, di medio impasto e ben drenati, per evitare i ristagni d’acqua.

Cosa fare durante la stagione calda?

Specialmente nel corso della stagione estiva, è importante che innaffiate abbondantemente la vostra erba cipollina.

E’ proprio l’estate, inoltre, il momento migliore per tagliarne le foglie ed utilizzarle in cucina secondo i propri gusti.

Cosa fare durante la stagione fredda?

Con l’arrivo dell’inverno le foglie di erba cipollina appassiscono e si sbriciolano, per poi spuntare nuovamente al sopraggiungere della primavera.

Durante la stagione invernale, l’erba cipollina richiede davvero pochissime cure: le uniche cose che dovete fare sono coprirla con un po’ di paglia per proteggerla dal freddo (mantenendola coperta dalla fine dell’autunno sino all’inizio della primavera) e concimarne il terreno a fine inverno.

Gli usi dell’erba cipollina in cucina

Come accennato all’inizio dell’articolo, l’erba cipollina si presta ad insaporire una grande varietà di piatti.

Questa erba aromatica, infatti, può essere utilizzata in tutte quelle preparazioni in cui vi sono ingredienti che bene si sposano con l’aroma della cipolla ma che, a differenza della cipolla, hanno un sapore delicato.

In piatti di questo genere il gusto deciso della cipolla vera e propria sarebbe eccessivo ed andrebbe a coprire quello degli altri alimenti, mentre l’aroma dell’erba cipollina, meno intenso, è perfetto.

Con quali cibi e in quali piatti usare l’erba cipollina?

Quanto ai primi piatti, molto spesso le foglie di erba cipollina vengono usate per insaporire zuppe e minestre.

Il sapore dell’erba cipollina è ottimo per arricchire anche molte seconde portate, dalle pietanze di carne (soprattutto carne bianca, dal sapore più delicato rispetto alle altre carni) a quelle di pesce, dalle frittate ad altre preparazioni a base di uova, come le crêpes.

Altrettanto indovinato è l’impiego di quest’erba per aromatizzare formaggi freschi (soprattutto quelli a pasta molle) e burro, ma anche salse, vinaigrette, sughi ed altri condimenti, nonché insalate e contorni a base di verdure cotte (ad esempio, patate o carote saltate in padella).

L’erba cipollina, inoltre, insieme a cerfoglio, prezzemolo e dragoncello, è una delle cosiddette fines herbes (ovvero, erbe fini), la miscela di erbe aromatiche tritate molto usata soprattutto nella cucina francese.

Gli steli di erba cipollina, infine, lunghi, sottili e piuttosto elastici, si prestano bene anche ad un uso decorativo (ad esempio, possono essere impiegati per legare fagottini o involtini). Sempre a scopo decorativo, talvolta vengono utilizzati anche i fiori di quest’erba aromatica.

Come usare l’erba cipollina?

A meno che non abbiate acquistato erba cipollina confezionata e già pronta all’utilizzo, prima di poter impiegare quest’erba aromatica nella vostra ricetta, innanzi tutto dovete sciacquare velocemente le foglie sotto acqua corrente.

Quindi, tranne nel caso abbiate bisogno di usarle intere a scopo decorativo, tritatele finemente con la mezzaluna o tagliuzzatele con le forbici.

In ogni caso, è consigliabile aggiungere l’erba cipollina ai cibi soltanto a fine cottura, perché le cotture prolungate rischiano di rovinarne i tessuti, molto delicati.

Come preservare il sapore dell’erba cipollina?

Erba cipollina fresca

Una volta recise dalla pianta, potete far sì che le foglie di erba cipollina mantengano il proprio aroma per qualche giorno conservandole in frigorifero.

Dopo esservi assicurati che siano ben asciutte, mettetele in un contenitore per alimenti e chiudete questo con il coperchio.

Quindi, ponete il contenitore nello scomparto del frigorifero in cui, in genere, si tengono frutta e verdura.

Grazie a ciò l’erba cipollina preserverà inalterato il proprio aroma per 2-3 giorni.

Erba cipollina confezionata

Se avete acquistato l’erba cipollina confezionata, mantenetela all’interno del suo contenitore, avendo cura di chiuderlo bene ogni volta.

Quanto ai tempi di conservazione, fate riferimento alle indicazioni riportate sulla confezione.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons