Finger Food: come preparare una base per le tartine

preparare e tagliare pane tartineLe tartine sono un finger food classico ma sempre sfizioso e perfetto sia come aperitivo, in accompagnamento ad un buon drink, sia come antipasto.

La base delle tartine deve essere un pane morbido e tagliato sottile: ecco perché il pane da tartine è, per antonomasia, il pancarré (o pane in cassetta).

Quasi sempre, parlando di pancarré, si pensa soltanto al pane bianco, ma in realtà è possibile preparare in cassetta anche altre tipologie di pane, semplicemente variando il tipo di farina utilizzata e pochi altri ingredienti.

Ecco come preparare una base per tartine in maniera davvero impeccabile.


Base per tartine: le ricette del pancarré

Pancarré bianco

Ingredienti

  • 250 g di farina 00
  • 150 ml di latte
  • 3 g di zucchero
  • 12 g di lievito di birra
  • 35 g di burro
  • 5 g di sale fino

Procedimento

Ponete il latte in un pentolino, aggiungete anche il lievito di birra e lo zucchero e fate intiepidire il tutto.

Nel frattempo, setacciate la farina e disponetela a fontana su una spianatoia.

Nella cavità al centro della farina versate il latte. Quindi, distribuite tra la farina il sale, cercando di far sì che quest’ultimo non venga a diretto contatto con il latte (in cui avete disciolto il lievito), per non compromettere la successiva lievitazione dell’impasto.

Incorporate gli ingredienti tra loro fino a ottenere una palla piuttosto compatta.

Su di essa versate il burro, precedentemente fatto fondere, e impastate nuovamente.

Mettete la palla ottenuta all’interno di una ciotola, preferibilmente di vetro, e lasciatela riposare per 15-20 minuti.

Riprendete l’impasto, suddividetelo in due porzioni, il più possibile uguali, e con ciascuna create un piccolo cilindro.

Intrecciate tra loro i due cilindri e metteteli a lievitare in uno stampo da plumcake, precedentemente rivestito con carta da forno, fino a quando non avranno raddoppiato il loro volume.

Quando l’impasto sarà lievitato al punto giusto, copritelo con un foglio di alluminio e mettete a cuocere il pane per 35-40 minuti in forno preriscaldato a 180°C.

Una volta pronto, sfornatelo e lasciatelo raffreddare a stampo scoperto, in modo da far evaporare l’umidità creatasi.

Alcune varianti della ricetta del pancarré bianco

Per la preparazione del pancarré bianco è possibile seguire anche altre ricette, oltre a quella descritta poco fa, che si differenziamo per la scelta di alcuni ingredienti.

Alcune ricette, ad esempio, prevedono che al posto del latte (o di una parte di esso) venga utilizzata della semplice acqua.

Per quanto riguarda la farina, invece, si può sostituire, del tutto o in parte, quella 00 con farina 1 o farina di manitoba.

Altre ricette ancora consigliano di impiegare, invece del burro fuso, olio di semi o olio extravergine di oliva.

In sostituzione allo zucchero, infine, è possibile usare del miele di acacia.

Pancarré integrale

Ingredienti

  • 125 g di farina integrale
  • 125 g di farina di manitoba
  • 100 ml di acqua tiepida
  • 30 ml di latte
  • 20 ml di olio extravergine di oliva
  • 7 g di lievito di birra
  • 2 g di sale fino
  • 2 g di zucchero

Procedimento

Nell’acqua tiepida fate sciogliere il lievito e lo zucchero.

A parte, create un emulsione con il latte e l’olio extravergine di oliva.

Setacciate le due farine e disponetele a fontana sulla spianatoia. Nella cavità al centro della farina versate sia l’acqua con lievito e zucchero, sia l’emulsione di latte e olio.

Cominciate a incorporare gli ingredienti tra loro, prima aiutandovi con una forchetta e, poi, utilizzando le mani.

Continuate a lavorare l’impasto fino a che non avrà assunto una consistenza liscia ed elastica (sebbene più dura rispetto a quella dell’impasto del pancarré bianco).

Formate una palla, ponetela all’interno di una ciotola e copritela con un canovaccio pulito e, preferibilmente, umido.

Dopo aver lasciato lievitare l’impasto per circa 2 ore, trasferitelo nello stampo per plumcake, foderato con carta da forno, che utilizzerete per la cottura e fatelo lievitare per altre 2 ore. Quindi, mettete sopra di esso un foglio di alluminio.

Fate cuocere il pane in forno preriscaldato a 180°C per 35 minuti. Successivamente, togliete il foglio di alluminio e proseguite la cottura per altri 10 minuti.

Una volta cotto, fate raffreddare il vostro pancarré all’interno dello stampo.

Pancarré ai cereali

Ingredienti

  • 125 g di farina di cereali
  • 125 g di farina di manitoba o farina 0
  • 100 ml di acqua
  • 50 ml di latte
  • 50 ml di olio extravergine di oliva
  • 6 g di lievito di birra
  • 5 g di sale fino
  • ½ cucchiaino di malto

Procedimento

Setacciate la farina di cereali e ponetela in una ciotola molto capiente. Su di essa versate l’acqua, scaldata ad una temperatura di circa 50°C.

Lasciando in ammollo la farina per almeno 2 ore consentirete ai semi del cereali di ammorbidirsi.

Nel frattempo, in un pentolino fate intiepidire il latte, in cui avete precedentemente disciolto il lievito di birra.

Trascorso il tempo di ammollo della farina ai cereali, unite ad essa il latte, la farina 0 o di manitoba, prima setacciata, l’olio, il sale e il malto.

Incorporate tra loro gli ingredienti, come descritto nella ricetta precedente, usando prima una forchetta e poi, trasferito l’impasto sulla spianatoia, le mani.

Dopo averne fatto una palla, ponete nuovamente l’impasto nella ciotola e lasciatelo lievitare per almeno un’ora e mezza.

Quindi, dategli una forma allungata e trasferitelo in uno stampo da plumcake, sempre foderato con carta da forno.

Dopo averlo lasciato lievitare per un’altra ora e mezza circa, fatelo cuocere per 35 minuti in forno preriscaldato a 180°.

Dopo i primi 15 minuti di cottura, o quando vedete che comincia a dorarsi in superficie, coprite il pane con un foglio di alluminio.

Una volta pronto e tolto dal forno, togliete la pellicola di alluminio e lasciate raffreddare il pane all’interno dello stampo.

Base per tartine: come tagliare il pancarré

Per realizzare delle ottime tartine è importante tagliare il pancarré in fette molto sottili, aventi uno spessore di 7-8 mm l’una. La crosta può essere eliminata ma anche lasciata, poiché quella del pancarré è morbida tanto quanto l’interno del pane.

Quindi, occorre scegliere la forma da dare alle vostre tartine.

Se volete dar loro una forma classica e semplice non dovete fare altro che tagliare con il coltello il pancarré a triangoli, quadrati o rettangoli.

Se, invece, volete realizzare tartine in forme più originali vi saranno certamente di aiuto gli stampini coppapasta, reperibili facilmente e in tantissime forme diverse.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons