Loading...

Forchettina da dolce: le caratteristiche e cosa consiglia il galateo


Il momento del dessert è sicuramente uno dei più apprezzati di un pasto, che sia esso pranzo o cena, è sempre un momento di piacere. Ma quando si parla di dessert il discorso si rivela piuttosto complesso, in quanto la scelta del dolce influisce anche sulla preparazione della tavola.

Le tipologie di dolce variano non solo per gusti e forme, ma anche per la consistenza, ed è infatti questa che distingue i dolci, in dolci da cucchiaio e dolci più duri per cui va usata l’apposita forchetta.

La forma a coltello

Oggi vogliamo parlarvi della posata che ci perette di mangiare un dessert da una consistenza più dura, comodamente servito in un piatto e mantenere al tempo stesso il giusto decoro a tavola, grazie proprio all’escamotage che questa ci permette di usare, parliamo della forchetta da dolce.

Questo tipo di posata, al contrario del cucchiaio da dolce di cui abbiamo già parlato, è ancora piuttosto in uso ed è solitamente parte integrante dei servizi da tavola che troviamo tranquillamente dei negozi.


Si distingue facilmente dalle altre posate per la sua particolare forma, in quanto a dimensioni si avvicina molto a quelle della forchetta da frutta, intorno ai 15 cm, ma la sua peculiarità è costituita dalla forma particolare che uno dei tre rebbi che la compongono assume.

Essendo una posata pensata per destrorsi, il rebbio di sinistra (quello che dovrebbe toccare il piatto) assume la cosiddetta forma a coltello, che ci aiuta a tagliare più facilmente il nostro dessert in pezzi che poi possiamo portare alla bocca con la stessa forchetta.

Quale scegliere

Il fatto che questa posata sia ancora comunemente in uso, ci permette di avere una ampia possibilità nella scelta della nostra forchetta sia per materiali che per decorazione. In questo modo possiamo facilmente abbinarle a quello che abbiamo già in casa così da completare il nostro set in armonia.

Ad ogni modo, la nostra scelta non deve essere unicamente dettata dall’estetica, ma anche dalla praticità e della maneggiabilità della stessa, non dobbiamo dimenticare che un dolce solido è più difficile da tagliare di un dolce al cucchiaio e quindi l’efficacia della forchetta è fondamentale.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons