Loading...

Il galateo nel servire i dolci: uno speciale. Seconda puntata


Nella prima parte di questo speciale abbiamo stabilito qual è il momento più adatto per portare in tavola le nostre preparazioni dolci e abbiamo elencato le principali regole su come queste prelibatezze vanno presentate ai commensali.

Ora in questa seconda puntata, per completare ulteriormente il discorso, passeremo alla seconda fase e ci concentreremo sulle posate adatte ai dolci e su come questi debbano essere consumati.

Le posate da dolce

Partiamo dalla paletta, è buona norma utilizzarne una apposita per prelevare fette di torta o di altri dolci da taglio e trasferirli sui piatti dei singoli ospiti senza aiutarsi con altri attrezzi o con le mani.

La forchettina da dolce ha dimensioni contenute rispetto a quella normale e si caratterizza per avere tre rebbi, questi non hanno tutti e tre la stessa grandezza ma uno, quello più grande, deve essere utilizzato per tagliare i bocconi e ha la cosiddetta forma a coltello.


Il cucchiaino da dessert è più grande di quello utilizzato normalmente per il tè e ne esistono alcuni di forme specifiche, ad esempio quello da gelato che assume le sembianze di una piccolissima paletta.

Come si mangiano i dolci?

Anche qui è importante conoscere le diverse tipologie di dolci e come ognuna di essere deve essere consumata:

  • Dolci da taglio: vengono tagliati a fette e serviti con una paletta, ogni commensale poi li consumerà servendosi dell’apposita forchettina e, nel caso siano presenti salse, anche di un cucchiaino;
  • Dolci al cucchiaio e gelati: vengono serviti o direttamente sul piatto da portata o dentro una coppetta appoggiata su un piattino; devono essere consumati ovviamente con l’apposito cucchiaino che, nel caso di pause, non va mai lasciato nella coppetta ma va adagiato sul piattino sottostante;
  • Pasticcini e biscotti secchi: devono essere prelevati dal vassoio uno alla volta e sempre con il loro scodellino (se è presente), vanno portati alla bocca con le mani solo se di piccole dimensioni, altrimenti bisognerà usare la forchettina per farne dei bocconi più piccoli.

La scelta del pasticcino, del dolce o del biscotto va fatta dopo una rapida occhiata alle varie tipologie disponibili, senza però soffermarsi lungamente ad osservare il vassoio.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons