Loading...

Licoli: va bene per i dolci?


Hai mai provato ad usare il lievito madre per preparare i dolci? Come funziona il lievito madre liquido, o licoli, per preparare i dolci? Si può usare oppure è meglio utilizzare altri agenti di lievitazione? Cosa cambia rispetto al lievito madre solido?

Oggi abbiamo pensato di preparare una breve e chiara guida sull’utilizzo del licoli, o lievito madre liquido, per la preparazione dei dolci. Infatti molti si chiedono se questo tipo di lievito va bene per i dolci oppure no, vediamo insieme di che cosa si tratta!

Che cos’è il licoli?

Il licoli non è altro che la forma liquida del lievito madre. La differenza sostanziale tra pasta madre e licoli sta, infatti, proprio nella consistenza del prodotto e, cosa più importante, nei livelli d’idratazione.

Un’altra differenza importante tra i due riguarda invece la modalità e, soprattutto, le tempistiche dei rinfreschi: il licoli può essere rinfrescato a intervalli più lunghi rispetto al lievito madre solido.


Con un pò di pazienza e con gli ingredienti giusti puoi creare il licoli direttamente a casa tua ma, se manchi di esperienza, ti consigliamo di chiederne un pò a qualche amico panificatore, oppure ad un esperto di pasticceria e prodotti da forno.

Il licoli va bene per i dolci?

Arriviamo al punto dell’articolo: il licoli va bene per i dolci oppure no? Ebbene il licoli è un tipo di lievito perfetto per la preparazione dei dessert, a partire dai più semplici come i cornetti, le brioches, la pasta frolla, fino ad arrivare ai più impegnativi che hanno bisogno di una lievitazione naturale.

Tra i dolci che vengono spesso preparati con il licoli ricordiamo:

  • Il babà;
  • Il panbrioche;
  • Le ciambelle (anche quelle fritte);
  • La colomba di Pasqua;
  • Il panettone;
  • I cornetti.

Alcune regole da non dimenticare per usare il licoli

Così come accade per la pasta madre, anche nel caso del licoli, prima di utilizzare questo ingrediente ricordati di seguire delle regole ben precise per ottenere i risultati che desideri.

Infatti è fondamentale rinfrescare il licoli almeno 12 ore prima di utilizzarlo, così da sfruttare al meglio l’attività di tutti i microrganismi che lo compongono.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© 2022 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons