Come preparare una fonduta svizzera perfetta

caquelon-fondutaTorna il freddo, e cresce la voglia di fonduta. Prepararla all’italiana, con fonduta e latte, è sicuramente un’ottima alternativa. Se siete però stanchi della solita ricetta è giunto il momento di fare come gli svizzeri.

Vestitevi pesante, oggi andiamo a fare un giro oltre le Alpi alla scoperta di tutti i segreti della fonduta svizzera, una delle nostre preferite.

Preparare il chaquelon

Il chaquelon è la pentola che si usa per la fonduta. Se non ne avete già uno in casa, potete trovarlo in tutti i negozi specializzati in utensili da cucina. Sceglietene una in materiale facile da pulire e che sia abbastanza spesso. Il calore si diffonderà più uniformemente ed eviteremo di bruciare il preparato.

Se avete il chaquelon è il momento di prepararlo. Schiacciate un aglio e sfregatelo lungo tutta la parete interna della pentola.


Accendete la fiamma sotto al chaquelon e cominciate a preparare gli ingredienti. Ci siamo quasi.

Gli ingredienti

In realtà non esiste una fonduta svizzera ufficiale. Ne esistono diversi tipi, che combinano diversi tipi di formaggio e di vino.

Gli ingredienti che figurano quasi in tutte le ricette sono formaggio groviera, emmental e vino bianco. Sul tema però sono molte le varianti locali. Il nostro consiglio è quello di partire dalla più classica, quella che include groviera, emmental e vino bianco, per poi cominciare a sbizzarrirvi con altri formaggi e ingredienti.

Le varianti più famose

  • Nella versione tipica della Svizzera centrale, viene aggiunto anche lo sbrinz, un formaggio a pasta dura simile al Parmigiano
  • C’è una versione piccante, che potrete ottenere mescolando nella pentola qualche peperoncino intero
  • Nella versione Vaudoise si usa invece soltanto la groviera

Potete aggiungere a piacimento anche funghi o pomodori, a seconda dei vostri gusti. Sono versioni meno grasse e più leggere, che oggi potete trovare in qualunque ristorante tipico di Berna e Ginevra.

Cosa intingere nella fonduta?

La tradizione comanda il pane, tagliato a cubetti ed infilzato con le lunghe forchette da fonduta. A Friburgo però in molti usano le patate, sempre tagliate a cubetti, invece del pane.

Sono da assaggiare entrambe le versioni, anche se il pane è forse più adatto per una pasta grassa come quella della fonduta svizzera.

Un trucchetto: l’amido

Se gli ingredienti tendono a separarsi, potete aggiungere un po’ di amido di mais o di patate per mantenere la pasta uniforme.

Si tratta di un trucco utilizzato anche in Svizzera, quindi non preoccupatevi. Rimarrete nell’alveo della tradizione e nessun commensale, anche se svizzero, avrà da ridire.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons