Come preparare il formaggio fritto a casa

formaggio frittoIl formaggio fritto è una ricetta abruzzese che viene consumata ormai in tutta Italia anche se, data l’importanza della materia prima per prepararla, è ovviamente in questa regione che trova la sua migliore espressione.

Oggi, dato che il “fast food” all’italiana sta tornando prepotentemente di moda, ve lo proponiamo sulle nostre pagine, anche se bisogna sottolineare il fatto che il formaggio fritto è in genere apertura di pasti comunque più sostanziosi e che con la cultura del “mangiare veloce” non ha davvero nulla a che fare.

Vediamo insieme come si prepara, di quali ingredienti abbiamo bisogno e quali sono le dritte da seguire per eseguire in casa uno dei pezzi forti della cucina abruzzese.

Gli ingredienti

Per preparare questa straordinaria ricetta, come capita spesso nella cucina abruzzese, avremo bisogno di pochi ingredienti, ma di qualità eccellente:


  • 500 grammi di formaggio di pecora abruzzese e fresco, al massimo poco stagionato;
  • Un paio di uova di medie dimensioni;
  • 120 grammi di farina 00;
  • Sale;
  • Acqua;
  • Olio da frittura: per questa ricetta consigliamo quello di arachidi.

Il problema del formaggio è quello che in genere accende i dibattiti più incredibili in Abruzzo. Il formaggio di pecora fresco è un must, anche se in molti, non gradendone il sapore leggermente forte, provano a orientarsi verso quello di mucca. Si tratta di una scelta però che non consigliamo: il formaggio perfetto è quello di pecora fresco.

La preparazione

Cominciamo con il tagliare la nostra caciotta a fette alte circa 1 cm. In una ciotola rompiamo le nostre uova, aggiungiamo la farina e anche un pizzico di sale.

Regoliamoci con l’acqua: la pastella che dobbiamo ottenere dovrà essere densa, in modo da rimanere attaccata sul formaggio anche durante la cottura.

Facciamo scaldare abbondantissimo olio in una pentola ben capiente e, una volta che sarà caldo al punto giusto, immergiamoci le nostre fette di formaggio fritto.

Facciamole friggere fino a quando la pastella non diventerà ben dorata. Occhio a come lo tiriamo fuori o lo comunque immergiamo, per evitare che si formino dei buchi sulla pastella.

Il formaggio fritto va servito ben caldo, immediatamente dopo la cottura. Si può servire benissimo come antipasto o anche come secondo piatto.

Buon appetito!

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons