Come preparare la cotoletta alla milanese in casa: la ricetta

cotolettaUno dei secondi piatti più gustosi in assoluto è la cotoletta alla milanese che piace veramente a tutti, soprattutto se viene servita con un contorno di patatine fritte molto croccanti.

La particolarità che la contraddistingue dalla cotoletta più comune è il taglio della carne che è rigorosamente ricavata dalla lombata del vitello tagliata con uno spessore minimo di 1 centimetro.

Anche la cottura è molto più impegnativa perché, la carne attaccata all’osso, ha bisogno di maggiore cottura quindi è necessario saper dosare bene i tempi e il calore del burro durante la cottura.

Ingredienti

  • 6 costolette di vitello spesse 1 cm;
  • 2 uova;
  • 1 pizzico di sale;
  • 1 limone non trattato;
  • 250 g di pangrattato;
  • 150 g di burro.

Preparazione

Iniziate la preparazione battendo le costolette con un batticarne, in modo da uniformare lo spessore della carne soprattutto nella zona attaccata all’osso, in quanto è sempre la più difficile da cuocere. Incidete con dei piccoli tagli il bordo della costoletta in modo che, in cottura, non si arricci.


In un piatto sbattete le uova fino a farle diventare molto soffici e versate il pangrattato in un recipiente abbastanza largo da contenere la cotoletta senza piegarla.

Passate la carne nell’uovo e subito dopo nel pane facendo una bella pressione sui polpastrelli, in modo da fare aderire per bene il pangrattato alla carne. Per una buona riuscita della cotoletta, non aggiungete il sale alle uova perché contribuirebbe a far staccare la panatura dalla carne, quindi salatela solo a fine cottura.

In una padella abbastanza larga versate il burro e lasciatelo riscaldare fino a raggiungere una temperatura molto alta. Unite le costolette e lasciatele cuocere per 5 minuti a fiamma vivace, poi abbassate la fiamma del fornello e continuate la cottura ancora per 5 minuti, girandole di tanto in tanto.

Appena pronte, scolatele su un piatto foderato di carta assorbente. Disponetele ora in un vassoio da portata circondate da fettine sottili di limone non trattato.

Il nostro piatto è pronto: possiamo accompagnarlo con qualunque tipo di contorno, anche se forse sarebbe indicato qualcosa in grado di sgrassare un po’ il piatto che può presentarsi un po’ pesante.

Buon appetito e alla prossima ricetta.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons