Prezzemolo: come usarlo nelle nostre ricette

prezzemoloIl prezzemolo è un’erba aromatica tra le più utilizzate nella nostra cucina. In molti, anche tra i provetti chef però, ne ignorano le proprietà e anche i motivi che dovrebbero farlo includere nelle nostre ricette.

Vediamo insieme quali sono le modalità di impiego del prezzemolo nelle nostre ricette, perché imparare ad usarlo e come inserirlo al meglio.

Sia come insaporitore, sia come decorazione

Innanzitutto dobbiamo prendere atto della duplice natura del prezzemolo: può essere usato come insaporitore e come decorazione per i nostri piatti.

Si tratta dunque di un ingrediente che, fresco, dovremmo tenere sempre in cucina, pronto all’occorrenza.


Occhio, va consumato solo molto fresco

Il prezzemolo, quando è stato colto troppo tempo prima, tende ad ingiallire e diventa praticamente inutile per entrambe le applicazioni. Perde molto del suo sapore e delle sue qualità nutritive e, al tempo stesso, diventa decisamente brutto e quindi inservibile anche per le applicazioni di tipo decorativo.

Non ossida rapidamente, quindi si può tagliare con il coltello

Al contrario di quanto avviene ad esempio con il basilico, il prezzemolo non ossida rapidamente e quindi può essere tagliato sia con un coltello che con una mezzaluna. Per aggiungerlo ai nostri piatti potremo dunque metterlo su un tagliere e procedere con la mezzaluna, per tagliarlo il più sottile possibile.

Questo perché il prezzemolo è un’erba che è piuttosto fibrosa e può rendere un autentico disastro la masticazione di un alimento preparato con cura.

Si può cuocere il prezzemolo?

Sì, il prezzemolo si può cuocere, anche se il suo gusto è molto diverso rispetto a quello della versione fresca. Non andrebbe mai cucinato su alimenti molto delicati, che potrebbero soffrirne il tipico retrogusto amaro di quando viene cotto.

Per questo motivo vi consigliamo di metterlo, nel caso di dubbi, sempre a crudo, anche su piatti caldi che finiranno, in pochi minuti, comunque per cuocerlo.

Come riconoscere il prezzemolo di qualità?

Il prezzemolo di qualità può essere riconosciuto abbastanza facilmente, dato che ha steli molto sottili e foglie piccole. Quando lo stelo diventa troppo massiccio e le foglie troppo grandi, siamo davanti ad un prodotto che è stato trattato eccessivamente, e che non dovrebbe mai trovare cittadinanza nelle nostre cucine.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons