Tzatziki: una specialità greco-turca

Tzatziki: una specialità greco-turcaLo tzatziki, con nomi differenti e nelle diverse e impercettibili varianti, è il contorno per eccellenza in molti Paesi mediorientali.

In Grecia accompagna quasi tutti, se non tutti, i piatti della tradizione  ed entra di diritto, insieme a taramosata e skorfaglià, nella categoria delle salates alifes ossia delle insalate cremose.

In Turchia è conosciuto con il nome cacık.

Origini dello tzatziki

Le origini dello tzatziki non sono ben definite.


Come molti condimenti freddi tipici del Mediterraneo, anche lo tzatziki è talmente radicato nelle tradizioni locali, che non si sa se sia nato prima in Grecia, in Turchia o in altri Paesi del Medio Oriente.

Con che cosa si mangia

Lo tzatziki generalmente accompagna a quasi tutto in particolare alle melanzane, zucchine, peperoni fritti, carne e pesce.

Ma questo contorno è ottimo anche con le insalate di riso, con i pomodori ed è eccezionale nel kebab.

E c’è anche chi non disdegna di gustare questa deliziosa crema a base di cetriolo semplicemente spalmata sul pane magari con l’aggiunta di qualche oliva nera.

Tzatziki greco e turco, differenze

Gli ingredienti che entrano nelle ricette dello tzatziki e del cacik sono gli stessi salvo l’aggiunta nella versione turca della tipica fogliolina di menta.

Per il resto fra il contorno greco e quello turco esiste solo una diversa consistenza che dipende dal tipo di yogurt usato: più compatto e denso nello tzatziki greco e più liquido nel cacik turco.

La ricetta

La preparazione dello tzatziki è molto semplice. Gli ingredienti base sono i cetrioli, l’ortaggio principe della cucina ellenica, e lo yogurt greco generalmente realizzato con latte di pecora o di capra.

Ingredienti

  • Cetrioli: 1 kg – l’equivalente di sei cetrioli medi
  • Yogurt greco: 500 grammi
  • Aglio: 2 spicchi
  • Olio evo: sei cucchiai
  • Sale q.b.

Preparazione

Si lavano i cetrioli sotto acqua corrente e si pelano delicatamente. Poi si dividono in quattro parti e si puliscono dei semini presenti nella parte centrale.

A questo punto grattugiate i cetrioli con una grattugia per verdure a grana grossa e metteteli scolare in un colino con l’aggiunta di sale grosso.

Lasciateli riposare per qualche minuto rigirandoli ogni tanto con le mani per consentire l’eliminazione dell’acqua in eccesso.

Quando buona parte dell’acqua contenuta negli ortaggi sarà scolata, prendete i cetrioli e strizzateli con molta forza. Ricordate che per una buona riuscita della ricetta, i cetrioli devono essere ben asciutti.

Grattugiate anche l’aglio e unitelo ai cetrioli insieme all’olio. Mescolate bene e quando avrete ottenuto un composto omogeno e aggiungete lo yogurt. Amalgamate bene tutti gli ingredienti e aggiustate di sale.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons