Loading...

Flûte: a cosa serve e perché si usa?


Letteralmente significa flauto e richiama la forma affusolata e snella. È conosciuto anche come calice a tromba ed è il bicchiere per eccellenza per servire gli spumanti o lo champagne.

Ha scalzato l’uso della coppa, la cui apertura grande accelerava la dispersione delle bollicine in superficie e faceva svanire presto gli odori con una perdita olfattiva e di sapore nelle degustazioni.

Il flûte è un bicchiere molto elegante che devi necessariamente procurarti e tenere in casa per servire lo spumante a fine pasto. Puoi metterlo direttamente a tavola per apparecchiare in modo formale o portarlo al momento.

Vediamo insieme le caratteristiche di questo bicchiere e qual è il modo migliore per servire lo spumante, chiudendo in maniera elegante ogni evento.


Conosciamo il flûte

Partiamo dal presupposto che esistono vari tipi di flûte (a triangolo rovesciato, a tromba o a tulipano) e la scelta va fatta in base al tipo di bevanda da servire. Gli esperti non servirebbero mai uno champagne o un franciacorta con lo stesso calice.

Generalmente la sua forma è allungata e slanciata, con un lungo stelo che poggia sulla base circolare e con la coppa vera e propria che appare molto stretta e alta.

Il bicchiere va impugnato rigorosamente per lo stelo, o per la base, evitando che la mano tocchi la pancia dove si trova il liquido; il materiale migliore è il cristallo, ma va bene anche un vetro di ottima qualità.

Perché non deve mancare

Ad ogni bevanda il suo bicchiere: questa è la regola aurea che non possiamo contraddire e non per un semplice motivo estetico, ma perché ogni tipo di bicchiere è studiato e concepito per esaltare ciò che contiene.

Nell’esperienza degustativa delle bollicine l’elemento essenziale è appunto la sensazione al palato, il profumo e l’osservazione del perlage: il flûte è concepito per esaltare le caratteristiche.

Quando versi uno spumante, sul fondo del bicchiere si formano le bollicine che vanno a creare l’effervescenza e a formare il leggero strato di spuma che rimane sulla superficie del bicchiere.

La forma stretta e lunga rallenta il processo di dispersione della bollicina che permane nel bicchiere, per cui l’effervescenza permane e la forma lunga convoglia tutti gli odori al naso.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons