Loading...

Hamburger vegani: come farli in casa


Oggi ci rivolgeremo a tutti i nostri amici vegani con una pratica guida per realizzare a casa degli hamburger più buoni e più sani di quelli del supermercato, privi di conservanti ma ricchi di tanto sapore.

La possibilità di variare nel gusto sarà ampia e potremo scegliere se farli a base di un unico vegetale o con un mix di diversi legumi e verdure.

Leggero o nutriente?

Partendo dal presupposto che questi due aspetti possono anche essere soddisfatti contemporaneamente senza grandi problemi, la scelta però solitamente si indirizza verso l’una o verso l’altra caratteristica.

Per un burger leggero sono da prediligere esclusivamente verdure ed ortaggi come zucchine, melanzane o cavoli mentre se ci stiamo orientando su qualcosa di più nutriente è meglio utilizzare nell’impasto lenticchie, tofu o fagioli visto che questi hanno contenuti proteici e vitaminici superiori.


Ma come detto in precedenza nulla vieta di usare qualsiasi elemento purché si combini bene e non comprometta il gusto complessivo del piatto.

Gusto ma anche consistenza

Uno dei problemi più comuni nella preparazione di hamburger di verdure è che queste fanno fatica a stare insieme ed hanno bisogno di un “collante” che permetta alla struttura di non sfaldarsi durante la cottura.

A tal proposito è possibile utilizzare delle patate lesse, la farina, il pangrattato o la quinoa, ovvero elementi che danno compattezza e non interferiscono eccessivamente nel sapore.

L’elemento che fa da legante deve però anche consentire la lavorabilità dell’impasto per formare l’hamburger quindi dovrà essere utilizzato nelle giuste proporzioni cercando un equilibrio tra morbidezza e compattezza.

Conservazione e cottura

Gli hamburger essendo preparazioni fresche è meglio se vengono realizzati sul momento ma per chi ha poco tempo a disposizione ed ha l’esigenza di un pasto veloce è possibile tenerli in freezer alcuni giorni avendo cura di impacchettarli in una carta per alimenti.

Quanto alla cottura, vista anche la fragilità del burger, consigliamo in primis il forno statico a 180 gradi e come pricipale alternativa una padella antiaderente leggermente unta con olio extravergine dove dorarli su ognuno dei due lati per un tempo complessivo di circa 6 minuti.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2022 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons