Come pulire i Funghi in modo Corretto

fungoPer pulire i funghi in modo corretto ci sono degli accorgimenti che bisogna adottare che variano secondo il tipo di fungo. Sarebbe buona norma, soprattutto per quelli a crescita spontanea, non usare il getto di acqua corrente al momento della pulizia, ma privarli della terra dapprima con un coltellino e poi con un panno umido.

Funghi champignon

I funghi champignon sono funghi coltivati e sono tra quelli più usati in cucina, sia perchè sono reperibili tutto l’anno e sia per il loro costo decisamente economico. Molto versatili, sono impiegati in tantissime preparazioni.

Il fungo champignon è fresco quando la sua consistenza è soda e turgida. Un fungo vecchio è facilmente riconoscibile dal suo aspetto appassito e più scuro.

Pulirlo comporta dei passaggi diversi da un fungo che nasce spontaneamente, vediamo quali. Per prima cosa staccare la testa dal gambo compiendo un movimento rotatorio.


Con un piccolo coltellino alzare la pellicola che ricopre il fungo partendo dal bordo. Togliere la pellicola per tutta la testa del fungo. Sempre con il coltellino, eliminare le lamelle che si trovano sotto la testa, quelle di colore più scuro per intenderci. Grattare anche il gambo e tagliargli la parte finale, quella che era attaccata al terreno. A questo punto passarli velocemente sotto l’acqua corrente e asciugarli con  uno strofinaccio pulito. Tagliateli a strisce e sono pronti per la cottura.

Funghi porcini

Parliamo del fungo porcino, ma ci riferiamo a tutti quei funghi che crescono spontaneamente. Pulire il porcino comporta dei passaggi molto più delicati rispetto allo champignon. Innanzitutto staccate la testa dal gambo senza coltello, ma ruotando le due parti in senso opposto.

Con un pennellino da cucina rimuovete dalle due parti la terra rimasta attaccata. Privatelo della base del gambo decisamente più sporca. A questo punto bagnate un pezzo di stoffa di cotone morbido e pulite la superficie di tutto il fungo ripetendo l’operazione con la pezza pulita, per togliere gli ultimi residui di terra.

Non adoperate assolutamente acqua corrente perchè rischiereste di rovinare il porcino. Ora potete procedere alla loro cottura.

Anche per gli altri funghi

Le procedure qui riportate possono essere sicuramente utilizzate anche per le altre tipologie di funghi. Quelli dalla carne più friabile, come gli champignon, saranno lavati e puliti secondo la prima procedura, mentre gli altri dovranno seguire la procedura dei porcini.

Una volta preparati i funghi, dovremo pur cucinarli e per questo motivo vi offriamo, in concomitanza, una guida alla cottura di questi straordinari prodotti della terra.

Articoli che ci piacciono:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2016 - Tecnichef.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons